Il mio modo

La profumeria come forma d’arte

Creare un profumo è un processo intellettuale nato dal desiderio di esprimere concetti, concepire idee ed evocare stati d’animo. L’obiettivo è suscitare emozioni e sentimenti tratti dal personale archivio di ricordi ed esperienze delle persone.

Una visione artistica, ovvero un’idea che domina ossessivamente la mente del creatore, insieme alla conoscenza degli ingredienti e all’arte di combinarli, sono fondamentali per dare vita a un profumo.

L’atto della creazione è un processo di pensiero, di scavare in profondità nei sentimenti per rivelarne il meccanismo, e poi immaginare architetture atte a suscitarli negli individui attraverso un equilibrio unico di materiali profumati.

Francesca Bianchi, Untitled Watercolor
Albrecht Dürer, Melencholia I, engraving, detail

Il linguaggio simbolico delle emozioni

La profumeria è un linguaggio simbolico delle emozioni. Ogni elemento profumato trasmette all’uomo qualcosa di significativo legato non solo alla sua cultura ma anche alla sua esperienza di amore, dolore, gioia e senso del mistero, in breve, la sua vita emotiva. Il significato non esiste di per sé. Piuttosto, è strettamente radicato nella memoria umana, individuale e collettiva, e assegnato di conseguenza.

La profumeria è un’arte di trasformazione, come l’Alchimia: mescolando insieme ingredienti specifici, il creatore dà origine a un’entità completamente nuova, prima sconosciuta.

Odore di umanità, Odore di intimità

Sono principalmente ispirato dal potere di ciò che significa essere umani, dal desiderio di connettersi con la vita interiore delle persone, dal desiderio di suscitare in loro un’emozione e farli sentire a casa nel proprio corpo, offrire conforto o semplicemente un soluzione rapida per una brutta giornata. I segnali olfattivi viaggiano senza mediazione – solo in un paio di sinapsi – verso il sistema limbico, il posto assegnato alla memoria e alle emozioni nel nostro cervello. Di conseguenza, la reazione innescata dall’olfatto è biologicamente inevitabile, non soggetta a manipolazione. Soddisfa quindi pienamente il nostro desiderio di autenticità.

I miei profumi si sono guadagnati la reputazione di essere sensuali e provocatori, probabilmente come conseguenza di quell’attenzione alla natura umana e all’intimità.

Photography by Ramez E. Nassif (Unsplash)
Photography by Nikita Tikhomirov (Unsplash)

Naturali e Sintetici

L’obiettivo nella selezione delle materie prime è quello di incarnare un’idea specifica. Tendo a privilegiare l’uso di ingredienti naturali per la loro complessità e ricchezza, ma includo anche materiali di origine sintetica. Possono fornire effetti che non possono essere prodotti con quelli naturali da soli. Non vedo contraddizioni tra loro. Entrambi sono il risultato di trasformazioni molto complesse per mano dell’uomo e la scienza coinvolta nell’estrazione e nella trasformazione è il risultato di secoli di sviluppo umano. Inoltre, non esiste una categoria di materiali “migliore” o “peggiore”: un materiale è semplicemente adatto o meno in base a uno scopo specifico.

Il flusso di produzione

Tutti i miei profumi sono creati da me nel mio laboratorio. Occorrono dai 6 mesi ai 4 anni o più per elaborare una formula per una nuova fragranza. Un’azienda a conduzione familiare con sede a Grasse, in Francia, che lavora materie prime per la profumeria fine, miscela il composto per me e lo invia a un’azienda manifatturiera a Milano, in Italia, per completare la produzione: maturazione in alcol, filtraggio, imbottigliamento e confezionamento .

breve biografia

Sono un amante dei profumi sin da quando ero bambino. Mi sono laureata in Storia dell’Arte, specializzandomi nel XX secolo. La mia passione per la creazione di profumi è stata ispirata dalla lettura di un libro sulla profumeria naturale. Da allora studio e sperimento. Ho vissuto in diverse città europee, Firenze, Berlino, Lussemburgo e Amsterdam, e ho lavorato nel settore dell’editoria di libri d’arte. È stato ad Amsterdam, dove vivo attualmente, che ho finalmente creato la mia linea di profumi.

Francesca Bianchi's Portrait